In che modo le calamite personalizzate possono rafforzare la brand identity

In che modo le calamite personalizzate possono rafforzare la brand identity

Una qualsiasi attività, o impresa, deve innanzitutto essere riconoscibile, associabile a dei colori, a un’idea, a una personalità: brand identity, appunto. Quanto più un marchio è comunicativamente efficace, tanto più i profitti aumentano; una buona pubblicità, o meglio, una buona strategica di marketing, deve infatti rafforzare i rapporti con i consumatori e far si che questi non dimentichino.

In che modo la comunicazione più aiutare a rafforzare questi rapporti? In ogni modo: dalla creazione di contest, di eventi particolari, di regali da dispensare ai clienti abituali o ai cinque dipendenti più performanti della settimana. Sono tantissime le situazioni in cui la comunicazione si inserisce, ma in questa lettura ci soffermeremo sull’impiego di gadget, in particolare sui magneti, calamite personalizzate (come queste https://www.professionalpins.com/categoria-prodotto/calamite/).

Fin dove può arrivare, quindi, la comunicazione?

In ogni modo, dicevamo. Non esiste una risposta univoca a questa domanda dal momento in cui anche il reparto di supporto, se curato in un determinato modo, può essere comunicazione. I bot da utilizzare nelle chat, sono comunicazione. I colori del brand e il mantenimento di questi in ogni luogo fisico e virtuale, è comunicazione. I gadget sono una delle trovate più clamorose per la pubblicità.

Si pensi a un oggetto utile, a un oggetto da utilizzare tutti i giorni. Seguendo questa linea, si aggiunga la caratteristica di “piccolo”. Un piccolo oggetto, utile, da avere tutti i giorni davanti agli occhi. O nella borsa, o sulla scrivania. Adesso si pensi invece a un problema quotidiano come ricordarsi delle cose da comprare: una lista della spesa! O di un piccolo ventilatore portatile da collegare al pc via cavo USB.

Il potenziale cliente da fidelizzare, immaginiamo, prende la penna più vicina possibile alla dispensa, magari recante il logo del brand X, e appunta la spesa da fare su un post-it, che poi attacca sull’anta del frigo con un magnete. Ecco, quel magnete è una calamita personalizzata, con foto dell’hotel in cui è stato qualche anno prima. Guarderà il gadget, ripenserà all’esperienza vissuta nell’hotel e, se è stato bene, rimuginerà anche sul ritornarci.

La penna utilizzata per scrivere è invece un regalo dell’azienda per cui lavora. È molto comoda, resistente, ha anche un elastico che la tiene legata alla tavoletta per scrivere e le impedisce di cadere e finire sotto un mobile. Dimenticata.

È proprio questo “dimenticare” che la comunicazione deve impedire ad ogni costo. Per il momento è sicuro che il ventilatorino posto sulla scrivania mi rende molto grata per la società con cui lavoro.

Un brand deve essere… magnetico

Il paragrafo precedente dovrebbe essere stato abbastanza efficace nel comunicare in che modo, la scelta accurata del giusto gadget, possa fare la differenza sia per quanto riguarda un cliente, sia per quanto riguarda un dipendente. Tra l’altro è bene ricordare che l’errore che viene commesso più spesso è proprio quello di trascurare il personale, o meglio, non curarne il legame “affettivo” che dovrebbero avere con l’azienda e con il gruppo di lavoro. È importante prendersi cura di ogni singolo individuo che gravita intorno e dentro alla realtà del brand, poiché sarà proprio il singolo a conferire carisma, magnetismo, dinamismo all’intera attività.

Qual è l’idea che dà un ristorante quando tutti i camerieri sono vestiti “più o meno in nero”? E che sensazione trasmette, invece, se a ogni dipendente è assegnato un preciso completo personalizzato con il logo del ristorante? Si respira serietà, professionalità, cura per i dettagli e una solida base identitaria.

Nell’esempio si è accennato solo a due gadget, ma è ovvio che nel mercato si possano trovare una quantità infinita di oggetti da utilizzare al fine di aumentare la visibilità della propria attività o del proprio progetto. Di seguito ci soffermeremo su uno dei gadget già posto nell’esempio, ovvero sulle calamite personalizzate che sono ancora poco sfruttate ma in crescita sulle tendenze del momento.

Lasciare un segno permanente su chi ci circonda

Esistono numerosi produttori specializzati nella creazione di gadget personalizzati su misura. In base al budget che si ha a disposizione, in base al target di riferimento e soprattutto al tipo di attività che si gestisce, dei consulenti sapranno trovare il gadget che più si confà alle esigenze del cliente.

Una scelta “simpatica” e anche molto originale può essere quello di creare dei magneti personalizzati con foto, che possono essere utilizzati sia per i clienti che per i dipendenti. Creare una calamita personalizzata significa mettere in risalto il singolo in una vasta realtà aziendale, gratificandolo e facendolo sentire importante. Un magnete personalizzato con nome e cognome potrebbe fungere da “segnaposto”, da attaccare alla lampada in acciaio posta sulla scrivania o al divisore laterale dell’ambiente di lavoro. Una calamita personalizzata con il logo di un bar, utilizzando naturalmente il font e i colori dell’insegna, aiuterebbe a far sentire il cliente parte di un qualcosa più grande. In fin dei conti, a chi non fa piacere sentirsi parte di un qualcosa, di un gruppo, di una realtà.